Scoprire Trieste

Conoscere Trieste significa anzitutto salire sul colle di San Giusto, da dove si gode uno splendido panorama, per comprendere la storia più antica della città: gli scavi archeologici (basilica, foro, propileo di accesso alla zona sacra, teatro e arco di Riccardo) ne testimoniano la nascita in epoca romana, mentre la cattedrale e il castello documentano il fulgore medievale. Con la proclamazione a porto franco (1719) Trieste inizia una nuova stagione. La ricchezza degli imprenditori, spesso stranieri, che la eleggono a seconda patria si ammira nei palazzi del borgo Teresiano, nella magnificenza delle chiese ortodosse e protestanti, nella sinagoga, nel “salotto buono” di piazza Unità e nella residenza-museo di Pasquale Revoltella. Tuttavia, «Trieste ha una scontrosa grazia» – per citare le parole del poeta Umberto Saba, suo figlio illustre – e, allora, bisogna andare a ricercare il suo fascino nei caffé storici, nelle stradine del ghetto, nelle architetture Liberty oppure seguire le orme dei letterati Umberto Saba, Italo Svevo e James Joyce. La visita alla Risiera di San Sabba e alla foiba di Basovizza permette, infine, di cogliere alcuni aspetti della travagliata storia del Novecento, non solo locale. Scopri tutte le attività di quest’anno a Trieste clicca qui

TEMPO CONSIGLIATO PIÙ GIORNI

Scoprire Trieste

Conoscere Trieste significa anzitutto salire sul colle di San Giusto, da dove si gode uno splendido panorama, per comprendere la storia più antica della città: gli scavi archeologici (basilica, foro, propileo di accesso alla zona sacra, teatro e arco di Riccardo) ne testimoniano la nascita in epoca romana, mentre la cattedrale e il castello documentano il fulgore medievale. Con la proclamazione a porto franco (1719) Trieste inizia una nuova stagione. La ricchezza degli imprenditori, spesso stranieri, che la eleggono a seconda patria si ammira nei palazzi del borgo Teresiano, nella magnificenza delle chiese ortodosse e protestanti, nella sinagoga, nel “salotto buono” di piazza Unità e nella residenza-museo di Pasquale Revoltella. Tuttavia, «Trieste ha una scontrosa grazia» – per citare le parole del poeta Umberto Saba, suo figlio illustre – e, allora, bisogna andare a ricercare il suo fascino nei caffé storici, nelle stradine del ghetto, nelle architetture Liberty oppure seguire le orme dei letterati Umberto Saba, Italo Svevo e James Joyce. La visita alla Risiera di San Sabba e alla foiba di Basovizza permette, infine, di cogliere alcuni aspetti della travagliata storia del Novecento, non solo locale. Scopri tutte le attività di quest’anno a Trieste clicca qui

TEMPO CONSIGLIATO PIÙ GIORNI

TI POTREBBE INTERESSARE

UDINE E DINTORNI

PIÙ GIORNI - 31 KM

LEGGI TUTTO

PORDENONE E DINTORNI

PIÙ GIORNI - 70 KM

LEGGI TUTTO

TI POTREBBE INTERESSARE

UDINE E DINTORNI

PIÙ GIORNI - 31 KM

PORDENONE E DINTORNI

PIÙ GIORNI - 70 KM

Vi informiamo che, per migliorare la Sua esperienza di navigazione su questo Sito, (Palmanova Village) utilizza dei cookies. La Stessa impiega diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione e cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina Informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. – ed artt 13-14 del REG UE 679/16